L'ESTATE DELL'ORDINE FRANCESCANO SECOLARE



L’estate calda e assolata è arrivata e con lei la voglia di mare, di spiaggia, di vacanza, di relax, ma questo non impedisce alla grande famiglia dell’ofs di continuare il proprio cammino sempre scortata dallo Spirito Santo che la sostiene ed incoraggia.

Così non viene meno il desiderio di incontrarsi per momenti di raccolta preghiera e di condivisione fraterna, sicuramente vissuti in maniera più leggera ma non per questo meno intensa.

Tanti saranno i temi affrontati quest’estate, a cominciare da quello sull’ascolto e le sue dinamiche di gruppo. Quella predisposizione all’ascolto spesso più eloquente di mille parole in grado di rafforzare la comunicazione tra fratelli.

E poi ci sono gli appuntamenti fissi che ogni francescano aspetta con ardore come il 2 di agosto giorno in cui si festeggia la ricorrenza religiosa del “Perdono di Assisi”, tanto bramato da Francesco affinché tutte le anime accedessero al Paradiso; è un giorno di festa in cui poter ricevere l’indulgenza plenaria.

Non meno importante è la commemorazione del “Transito di Santa Chiara” il 10 agosto e la festa dell’11 agosto a lei dedicata fra canti e preghiera.

Ma non mancheranno i momenti di convivialità fraterna in cui godere della compagnia dell’altro in totale spensieratezza, sperimentando la ricchezza spirituale dei fratelli in un contesto di leggerezza e amorevole conversazione.

Si giunge quindi all’atteso appuntamento di ogni estate “il campo estivo” di fine agosto, che simboleggia il ritornare ad attingere da quella sorgente di acqua viva pura ed inesauribile, che ci disseta e ci alimenta, consentendoci di iniziare il nuovo anno sociale colmi della grazia e della pace del Signore. Ovviamente è prematuro  svelarne il tema, meglio aspettare per godere a pieno del contenuto a tempo debito e di ritorno rendere partecipi tutti della ricchezza spirituale e umana che ci ha procurato.

Così si riprende a settembre con “L’esaltazione della Croce” tanto cara al nostro serafico padre e poi con il ricordo del giorno in cui sulla Verna, Francesco ricevette “le sacre stimmate”.

La fine dell’estate segna per l’ofs l’inizio dei preparativi per i festeggiamenti in onore di San Francesco, momento questo che coinvolge tutta la fraternità sia emotivamente che fisicamente.

Quindi è proprio vero l’ofs non va in vacanza e quando l’autunno bussa alla porta è pronta a ripartire inconsapevole ma fiduciosa dei progetti che Dio ha per lei, perché il nostro è un cammino che dura per tutta la vita e non si finisce mai di imparare e di conoscere Dio.

 

Eleonora Bari